Sei qui: Home Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica News Monitoraggio anfibi 2018

Monitoraggio anfibi 2018

PDF Stampa

 Immagine 1Logo gevImmagine 2

Anche quest’anno sono state organizzate delle specifiche serate per il monitoraggio anfibi, incentrate in particolare sulla stima della popolazione dei rospi smeraldini (Bufo viridis) all’interno del Parco Nord Milano. Il Parco costituisce infatti un’Area di Rilevanza Erpetologica Nazionale riconosciuta dalla Societas Herpetologica Italica per la presenza di habitat e siti riproduttivi della popolazione lombarda più numerosa di rospo smeraldino.

Anche quest’anno sono state organizzate delle specifiche serate per il monitoragImmagine 3gio anfibi, incentrate in particolare sulla stima della popolazione dei rospi smeraldini (Bufo viridis) all’interno del Parco Nord Milano. Il Parco costituisce infatti un’Area di Rilevanza Erpetologica Nazionale riconosciuta dalla Societas Herpetologica Italica per la presenza di habitat e siti riproduttivi della popolazione lombarda più numerosa di rospo smeraldino.

Le serate di monitoraggio sono state organizzate, sulla base delle osservazioni degli anni precedenti, a partire dal 27 aprile all’8 giugno. Questo periodo è stato inizialmente scelto proprio perché rappresenta il momento dell’anno in cui si ha maggiore probabilità di incontrare il rospo smeraldino, che abbandona i propri ripari per giungere nelle zone in cui avverrà la riproduzione, ovvero le varie pozze d’acqua presenti per il parco. Mantenere date simili negli anni consente di confrontare i dati raccolti e avendo informazioni non solo sulla numerosità dei rospi smeraldini, ma anche sul cambiamento della loro attività in base al modificarsi delle condizioni ambientali di anno in anno. Scopo principale del monitoraggio rimane comunque una valutazione dell’andamento della popolazione di rospi smeraldini, per la quale stima si rende necessario effettuare possibilimente il monitoraggio nelle giornate di picco di presenza, anche se questo può comportare modificare (anticipare/posticipare) il periodo di monitoraggio.

All’attività hanno partecipato complessivamente 31 persone di cui 23 GEV, 5 ragazzi del servizio civile e 3 persone esterne interessate al monitoraggio.

Come per i due anni precedenti sono state monitorate le popolazioni di rospi, rane, tritoni e gamberi della Louisiana. Per quanto riguarda i rospi smeraldini sono stati classificati per sesso, inoltre qunado possibile si sono conteggiati i canti uditi e le masse di uova presenti. Queste ultimi dati forniscono informazioni aggiuntive sulla presenza di maschi e sulle femmine riprodottesi con successo (una massa d’uova corrisponde a una femmina).

Dato mancante ma che sarebbe interessante nonché importante raccogliere per la conservazione dei rospi smeraldini all’interno del parco è la percentuale di sopravvivenza dei nuovi nati dalle masse di uova che si individuano.

Di seguito la tabella riassuntiva dei risultati ottenuti quest’anno, confrontati successivamente con quelli degli anni precedenti.

Tabella 1

 Tabella 2

 Tabella 3

 Tabella 4

 Tabella 5

Tabella 6

Grafico

 

 

Come si può evincere dalla tabella non tutte le sere è stato possibile coprire tutte le zone, a causa dell'insufficienza di persone disponibili. In questi casi si sono privilegiate le zone in cui quest'anno, come nei precedenti, è stata attestata una maggiore presenza di anfibi.

Allarmante sembra essere quest'anno la scarsa presenza di rospi smeraldini individuata nelle serate di censimento, ma questa è in gran parte dovuta alle condizioni ambientali sfavorevoli (serate particolarmente secche) presenti, che ha causato un'evidente sottostima della popolazione. Non avendo altri dati presi in condizioni simili non è quindi possibile valutare un decremento/incremento avvenuto nella popolazione. Se questa situazione dovesse ripetersi sarà invece possibile risalire alla variazione (sepper relativa) della popolazione.

Il conteggio delle rane verdi invece, rispecchia dal punto di vista numerico, quello dell'anno precedente facendo pensare ad una stabilità della popolazione, oltre a mostrare come il contatto con queste sembri essere poco effetto delle condizioni atmosferiche.

Per quanto riguarda la stima di tritoni e gamberi presenti queste risultano entrambe sottostimate a causa della poco efficienza del metodo utilizzato (conteggio a vista). I tritoni infatti, se come i rospi sono più facilmente individuabili durante i periodi riprodutti in cui raggiungono le pozze di riproduzione, spesso sono nascosti nella vegetazione ai bordi o sul fondale, rendendone più difficile l'individuazione. A parità di metodo utilizzato però è possibile osservare un calo degli individui osservati, probabilmente per lo più dovuto anche per loro alle condizioni ambientali secche, che ne ha limitato lo spostamento e quindi le nostre possibilità di individuarli.

Anche i gamberi della Lousiana trascorrono il loro ciclo vitale, nascosti dalla vegetazione ai bordi dei canali in cui sono maggiormente presenti, limitandone quindi fortemente il conteggio, che per essere portato a termine richiederebbe una quantità di tempo superiore a quella che si riesce ad impiegare. Nonostante gran parte dei gamberi non siano a noi visibili, il fatto che quelli individuati siano in aumento rispecchia l'aumento in atto della loro popolazione.

Per il prossimo anno si cercherà di effettuare i censimenti in giornate favorevoli alla presenza dei rospi smeraldini in modo da avere stime assolute più precise, anche se sarebbe auspicabile integrare i dati anche con censimenti in giornate secche in modo da meglio comprendere i risultati di quest'anno.

Oltre ai censimenti mirati, si riportano qui sotto anche il numero d'individui di rospo smeraldino avvistati durante le serate del servizio notturno, che svolgendosi regolarmente due volte a settimana risulta avere relazione 2018maggiori probabilità di avvenire in giornate favorevoli al contatto con i rospi smeraldini. Per natura del servizio non mirato unicamente al censimento, questi conteggi rappresentano delle sottostime, oltre alla possibilità di doppi conteggi.

Si segnala inoltre l’avvistamento di circa 32 girini di rospo smeraldino in metamorfosi con le zampe posteriori formate all’interno della fontana rotonda il giorno 30 luglio. Da alcuni anni non erano più stati presenti in questa fontana probabilmente a causa delle continue pulizie della stessa, che per essere effettuate prevedevano lo svuotamento completo, senza quindi possibilità di sopravvivenza per uova o girini. Da quest’anno, dopo continui solleciti da parte del Responsabile del Servizio GEV, le pulizie sono state sospese nei mesi della riproduzione e fatte in modo meno invasivo negli altri mesi.

Anche all’interno delle nuove pozze del boschetto GEV sono stati ritrovati più girini ad indicare una riproduzione dei rospi avvenuta con successo.

Foto imprenti

GEV Tiziana Trogu, Giuliano Imprenti, Leila Kataoka