Sei qui: Home Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica News Le GEV a “Denominazione di Origine Protetta”

Le GEV a “Denominazione di Origine Protetta”

PDF Stampa

Logo gevDal 7 al 29 ottobre al CentroSarca a Sesto San Giovanni si è tenuto l'evento
"SarcaDOP", un lungo evento che ha avuto al centro il nostro Paese l'Italia, e le eccellenze gastronomiche del territorio e di tutte le regioni.
Un vero e proprio viaggio nel gusto tramite dei prodotti italiani rigorosamente DOP, IGP, STG.
Il fine era seguire sapore della tavola italiana, scoprirne i segreti culinari e gastronomici.
Immagine4In tale contesto, in una delle "stazioni" ricreate appositamente nel grande centro commerciale, avvenivano delle conferenze e delle presentazioni da parte di produttori, cuochi, realtà locali, ecc.
In tale contesto, è stato invitato il Parco Nord Milano, che ha scelto di offrire una occasione per valorizzare e fare conoscere le attività delle Guardie Ecologiche Volontarie del Parco.
Attraverso immagini, le GEV, hanno presentato al pubblico presente, scarso ma attento, una passeggiata nel Parco Nord di un paio di chilometri, proprio a partire dal Centro Commerciale Sarca in compagnia del grande scrittore svizzero/tedesco Hermann Hesse (Calw, 2 luglio 1877 – Montagnola, 9 agosto 1962), che era avvezzo all'arte del camminare e del contemplare la natura e gli uomini.

Immagine2Nel 1904 Hesse ha iniziato a scrivere un romanzo dal titolo «Camminare» (completato nel 1920), in cui rac-coglie le sue esperienze di «grande camminatore». Si legge in un brano del libro: "La poesia del passeggia-re è nell'organica assimilazione delle novità vissute, nell'accrescimento della nostra capacità di compren-dere l'unità nel molteplice, il grande intreccio costituito da terra e umanità, nel ritrovare antiche verità e leggi in situazioni del tutto nuove".
La piccola passeggiata nel Parco, diventa quindi "D.O.P." (a Denominazione di Origine Protetta), in compa-gnia delle frasi del grande scrittore di Montagnola, alla scoperta delle piccole cose, delle architetture (na-turali e non), degli animali (anche quelli "alieni" introdotti dall'uomo), del paesaggio e soprattutto delle piante e dei fiori edibili.
Immagine3La "piccola passeggiata" diventa, in un secondo tempo, anche l'occasione per descrivere l'attività delle Guardie Ecologiche Volontarie, spiegarne le funzioni, raccontare il consolidamento e la crescita di un grup-po che nel 2017 compie trent'anni di attività.

GEV Dario Sironi